WPML not installed and activated.

COME RISOLVERE IL PROBLEMA “PLASTICA”?

By Antonio Cotardo on 04/08/2016 in Blog, Cultura, Curiosità
0
0

nel-2050-la-terra-nuoter-in-un-mare-di-plastica-plastica_sommerge_Mondo-800x500_cAvvolgendo la terra con una pellicola!

Secondo un recente studio, se si riducesse in pellicola tutta la plastica che viene dispersa nell’ambiente quotidianamente si potrebbe….

 IL FATTO

Forse non si tratta di utopia, alla fine basta guardarsi attorno e vedere dove e quanta plastica è dispersa sul nostro pianeta, ci facevo caso per l’ennesima volta e con rammarico, oggi, mentre passeggiavo in bicicletta. «Se tutta la plastica prodotta negli ultimi decenni fosse ridotta a una pellicola, ce ne sarebbe abbastanza da coprire l’intero pianeta. E anche di più: visto l’andamento attuale, entro la metà del secolo lo potremo avvolgere con più strati», afferma Jan Zalasiewicz, geologo dell’università di Leicester . Zalasiewicz ha da poco presentato uno studio sull’impronta geologica della plastica, che si trasformerà in uno strato fossile sui fondali marini e rimarrà tale per milioni di anni. E le sue proiezioni in base alle attuali applicazioni delle plastiche rivelano anche che non sembra possa esserci una diminuzione del suo uso nei prossimi decenni.

imagesMA QUANTA PLASTICA PRODUCE L’UOMO?

A livello mondiale la produzione di materie plastiche è salita da 15 milioni di tonnellate nel 1964 a 311 milioni di tonnellate nel 2014. L’agenda del The New Plastics Economy, calca la mano sugli scenari affermando che in assenza di scelte alternative la produzione di plastica raddoppierà nei prossimi 20 anni. Il luogo dove si consuma la maggiore quantità di plastica con la minore percentuale di riciclo è Hong Kong, dove quotidianamente ogni persona usa e getta 1,36 chilogrammi di plastica. Il risultato si vede nelle 2.000 tonnellate di plastica quotidiana gettate in discariche sature in zone costiere, lungo i corsi d’acqua e nei parchi. «La città sta soffocando nella plastica», è l’accusa di Lisa Christensen, co-fondatrice di Cleanup Hong Kong, «e non c’è coscienza del problema, oggi meno che in passato: nel 2014 si è riciclato solo il 5 per cento dei rifiuti di plastica, contro il 25% del 2005.» Se Hong Kong si trova in testa alla classifica delle cattive abitudini, il resto del mondo non ne esce meglio tanto che ogni anno finiscono in mare 8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, l’equivalente di un camion della spazzatura ogni minuto.

images (1)EPILOGO

Tutta questa plastica diventa “cibo” per molte specie viventi. Recentemente infatti avevo postato proprio sul mio blog un articolo che parla  di come nello stomaco di una tartaruga rinvenuta sulle nostre coste abbiamo trovato 50 centimetri di rifiuti plastici, dai fili di nailon ai sacchetti. Le tartarughe confondono spesso i sacchetti di plastica con il loro cibo preferito, le meduse, e naturalmente il risultato è la morte. Dove arriveremo ?

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo!

 

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo
Loading Facebook Comments ...

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2017 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner