WPML not installed and activated.

GIARDINAGGIO: LA POTATURA

By Antonio Cotardo on 31/01/2016 in Blog, Giardinaggio
0
0

download (2)Non esagerate però!

Per avere delle piante sempre piene di salute e soprattutto sempre piene di fiori coloratissimi e di frutti sani e saporiti, bisogna fare qualcosa in più. Mi spiego: non è sufficiente piantare una pianta e abbandonarla a se stessa per avere un ottimo raccolto. Se vogliamo vederla rigogliosa dobbiamo darle delle piccole attenzioni. Una di queste è la potatura.

IL FATTO

TaglioLa potatura può essere eseguita anche dagli appassionati del giardino, non per forza deve essere fatta da un professionista, sempre se non si tratti di esemplari giganteschi che richiedono l’intervento di attrezzature più sicure e consone. Ma prima ancora di prendere in mano le forbici, il seghetto o addirittura la motosega, indossiamo un bel paio di guanti da giardinaggio in modo da riparare le nostre mani dai pericoli derivanti dall’uso degli attrezzi. Quindi vediamo un po’ di capire quali sono le motivazioni che ci spingono a voler potare la nostra pianta. Prima di tutto:

  • È veramente necessario potarla?
  • Siamo nel periodo giusto?
  • Come devo potarla?
  • Quali rami devo tagliare?

LOGORISPOSTA

E’ ovvio che la risposta cambia a seconda della pianta che vogliamo potare. Ogni pianta infatti ha un suo periodo. Ma ci sono diversi tipi di potatura, non dobbiamo pensare a questa parola come a qualcosa di drastico e violento. Esiste infatti la potatura a secco, che consiste nel pulire la pianta dai rami verdi in eccedenza e dai rami secchi e va fatta dopo il grande freddo invernale per evitare spaccature tra le fessure dei tagli. Poi abbiamo la potatura verde che si pratica tra luglio e agosto e serve ad eliminare la vegetazione in eccesso che toglie linfa vitale alla pianta. Quindi abbiamo la potatura di contenimento che si pratica spesso per le piante ornamentali e consiste nel ritoccare semplicemente la pianta dandole una forma.

imagesCOME POTARE?

Dopo esserci forniti di strumenti abbastanza professionali, ricordiamoci che ogni taglio deve essere fatto in maniera netta e precisa, senza sbavature della corteccia. Gli attrezzi devono essere sempre puliti per evitare che una volta fatto il taglio si possano infiltrare delle infezioni nella pianta. Il taglio va eseguito con la base della lama e mai con la punta e deve rispettare un’angolazione di 45 gradi inclinata dalla parte opposta alla gemme per favorire lo scivolamento di pioggia e umidità che contrariamente andrebbero ad compromettere la crescita della gemma.

EPILOGO

In linee molto generali ho cercato di spiegarvi che cos’è la potatura, in realtà però, oltre a farvi capire la sua importanza, volevo farvi capire che non sempre è necessario potare: ci sono alcune piante che vanno bene cosi, uso termini semplici per far comprendere a tutti. Non sempre le piante hanno bisogno di potature, per cui quando usate le armi del mestiere ricordatevi sempre che si tratta di un essere vivente. Se sbagliamo il periodo o esageriamo con i tagli, non è detto che la pianta morirà, ma corriamo un forte rischio di bloccarne la crescita per diversi anni. Potare si, ma con intelligenza!

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo! 🙂

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo
Loading Facebook Comments ...

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2017 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner