WPML not installed and activated.

GOOGLE: ADDIO AI CONTENUTI PORNOGRAFICI

By Antonio Cotardo on 25/02/2015 in Cultura
0
0

Che sia la volta buona?

DD_Google-thank-you-googleCome si dice in questi casi: meglio tardi che mai! Si perché sinceramente in un mondo dove ci lamentiamo della pornografia, dei pedofili, ma poi andiamo a vedere le 50 sfumature di minchio ( e scusate se sono ripetitivo) sarebbe stato davvero da idioti continuare a lasciare liberi questo genere di contenuti.

 IL FATTO

La questione non è data dal fatto che guardare i contenuti porno è sbagliato, alla fine ognuno è padrone di se stesso e può guardare tutto il porno che vuole ma dal 23 marzo prossimo Google dice basta ai contenuti porno e censura ogni sorta di nudismo nella sua piattaforma. Il punto è che purtroppo oggi sta prendendo sempre di più piede quella che viene definita “impotenza da porno”, ossia la preferenza da parte dell’uomo di materiale porno grafico invece che di una donna e viceversa. Questo porterà nel tempo alla scomparsa del nucleo familiare poiché nessuno avrà più l’esigenza di un legame.

 imagesIL PORNO SCOMPARIRÀ’?

Certo che no! Cosa succede quando una cosa viene proibita, quando vi dicono di rispettare una legge? Puntualmente la si trasgredisce! Quindi visto che in questo caso si tratta proprio di trasgressione, aspettiamoci delle sorprese. Del resto la decisione di limitare i contenuti porno è stata presa dopo che secondo le statistiche è venuto fuori che ogni giorno su twitter passano la bellezza di 500.000 fotografie a luci rosse.

 IN POCHE PAROLE

Il porno non finirà, i contenuti a luci rosse presenti nella sua piattaforma Blogger avranno nuove regole come l’inserimento della voce ‘solo per adulti’ . I siti che non rispetteranno questa disposizione non saranno cancellati ma saranno nascosti, cioè saranno visibili all’esterno solo dall’autore e dagli amministratori del blog. Questo per quanto riguarda i siti già esistenti, i nuovi siti che verranno creati non dovranno avere alcun contenuto pornografico altrimenti saranno cancellati.

images (1)ECCEZIONI

Le uniche eccezioni dove sarà ammessa la nudità saranno quelle con contenuti di “pubblica utilità” come quelli di tipo artistico o documenti scientifici. Dunque tempi duri per tutti gli smanettoni dei siti pornografici, google ha finalmente cambiato la normativa prendendo le difese delle povere malcapitate o dei poveri malcapitati che ogni giorno vengono violentate/i. Adesso la domanda è:

 alle ragazzine di 16 anni che pubblicano foto abbastanza spinte su facebook chi ci pensa?

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo! 🙂 🙂  🙂

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2018 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner