WPML not installed and activated.

I TERREMOTI SI POSSONO PROVOCARE?

By Antonio Cotardo on 01/11/2016 in Blog, Cultura, Curiosità
0
0

Scrivetelo su Google

530781_547705771911811_745540736_nNon è un caso che io abbia scelto di scrivere quest’articolo proprio durante questi giorni catastrofici per l’umanità. Ogni giorno in una parte del mondo avviene un terremoto ma chissà perché ci dicono solo quello che vogliono loro, talvolta abbassando la magnitudo, il perché lo sappiamo benissimo. Fortunatamente, se cosi si può dire, oggi abbiamo il web per documentarci a dovere, ma anche qui bisogna fare distinzione tra bufale e verità. Io nel mio piccolo cerco di raccontare il vero facendo sempre ricerche a destra e sinistra prima di parlare, ovvio che non tutto quello che circola su internet corrisponda al vero, così come non possono essere vere certe cose che si dicono in generale perché ci sono troppe cose che non tornano e non solo i conti. Adesso però cominciamo.

maxresdefaultIL FATTO

Nel lontano 1896 Nikola Tesla, elaborando la teoria della “telegeodinamica” dopo aver scoperto le onde terrestri stazionarie provocò accidentalmente un terremoto nella Città di New York usando un piccolo oscillatore meccanico. Quando l’oscillatore ricevette il segnale di ritorno di un sisma longitudinale, aggiunse nuova forza al ritorno e dopo alcuni minuti questa onda era cresciuta ad un livello tale che le forze oscillatorie crearono dei piccoli terremoti locali. In quell’occasione il più grande scienziato al mondo dichiarò:

“Stavo sperimentando con le vibrazioni. Avevo con me una delle mie macchine e volevo vedere se riuscivo a farla sintonizzare con le vibrazioni della materia del palazzo in cui mi trovavo. Ho aumentato la potenza dell’oscillatore tacca per tacca. Ci fu un suono peculiare ad un certo punto, così chiesi ai miei collaboratori la provenienza di quel suono, ma non lo sapevano. Ho aumentato di un paio di tacche ancora la potenza della mia macchina. Ci fu uno scricchiolio più forte, a quel punto sapevo che mi stavo avvicinando alla vibrazione dell’acciaio utilizzato per la costruzione del palazzo. Spinsi la macchina ancora un pò’ più in alto. Improvvisamente tutti i macchinari pesanti che si trovavano nelle vicinanze hanno iniziato a muoversi pericolosamente. Ho afferrato un martello e ho rotto la macchina immediatamente. L’edificio sarebbe crollato sulle nostre teste in un paio di minuti. Fuori, in strada c’era un pandemonio. La polizia e le ambulanze arrivarono di tutta corsa. Abbiamo detto alla polizia che dev’essere stato un terremoto… “

 La Terra poteva essere dunque usata come un conduttore che risponde a vibrazioni elettriche e questa scoperta può essere applicata nello studio della prevenzione dei terremoti e maremoti o per provocarli e dunque come un’arma catastrofica. La guerra ambientale quindi è già in atto e il sistema per provocare terremoti e tsunami non è certo una novità per la ricerca militare.

download-1EPILOGO

Le ricerche talvolta non bastano, specialmente per queste informazioni dove servirebbe la dimostrazione seppure in piccolo di quanto affermato e quante incongruenze lungo il cammino, quante coincidenze, quante esagerazioni. Ovvio che io non posso dimostrare nulla, tantomeno accusare, ma ci tengo a farvelo presente perché è bene che certe cose si sappiano, poi ognuno di noi deve essere in grado di recepire le notizie a modo suo, per cui se avete tempo fate una ricerca anche voi su google e traete le vostre conclusioni perché è bene che si sappia che un colpo ben assestato ad una regione terrestre geologicamente predisposta, può generare un vero e proprio cataclisma. Con questo non voglio gettare benzina sul fuoco o affermare che qualcuno si diverta a far tremare la terra a discapito di vite innocenti perché non avrebbe senso, forse avrebbe un po’ di senso farlo in una fabbrica di un territorio nemico  o in un campo di guerra. Sinceramente per me non avrebbe senso a prescindere e spero che tutto questo sia solo una bufala perché se cosi non fosse lo schifo sovrasterebbe totalmente il mondo.

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo!

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo
Loading Facebook Comments ...

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2017 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner