WPML not installed and activated.

LA MALEDIZIONE DI TOLEDO

By Antonio Cotardo on 04/07/2017 in Blog, Cultura, Recensioni
0
0

Un libro di Giuseppe Pascali

Una storia fuori dal comune, diversa dall’ordinario, intensa, accattivante, mozzafiato. Una storia che ha il coraggio di raccontare la verità e di mettere chiarezza laddove un cumulo di oblio aveva intaccato l’intelletto di quell’epoca, trovando futile motivazione nella difesa dalle squallide grinfie del demonio, tralasciando il fatto che spesso il diavolo si nasconde proprio sotto i nostri occhi senza avere per forza sembianze animalesche, piuttosto umane.

LA MALEDIZIONE

Comincia con una maledizione questa storia ma come finisce non posso dirvelo, lo sapete. Certo se posso darvi un consiglio, vi invito spassionatamente a leggerlo questo libro. La storia si svolge in Spagna, nel lontano ma non troppo 1610, nel pieno clamore della stregoneria, del rogo, dell’inquisizione. Qui mi spunta una domanda: nel 2017 l’inquisizione sotto quale nome si nasconde? Non posso rispondere, non sono qui per questo ma vi invito a riflettere. Parlavo del libro di Giuseppe Pascali, dunque ritorniamo in Spagna. Un fedelissimo cardinale, Medina, cerca in tutti i modi di purificare l’umanità mandando al rogo streghe, stregoni e bestemmiatori, spesso senza una vera e propria accusa, basandosi piuttosto sul sentito dire.  Da qui scaturirà una maledizione da parte di una strega arsa viva proprio dallo stesso Medina, quando sul punto di morire si rivolge a sua eminenza dicendogli di fare attenzione ad una strega dai capelli rossi. Da qui la caccia spietata a tutte le streghe di quel colore di capelli. Una vera e propria follia, sfociata in tragedia. Di più non posso proprio dirvi ma l’autore gioca perfettamente con una giusta dose di suspense, colpendo il lettore nel momento opportuno con dei particolari davvero interessanti, per poi confonderlo con diecimila rocamboleschi cambi di scena. Una maledizione studiata a tavolino quella del Pascali, direi più una benedizione visto lo stile ricercato ed elegante.

IL RUOLO DELLA DONNA

In questo libro la donna svolge un ruolo fondamentale, porgendosi al centro della vicenda con delicatezza. L’autore ha voluto sottolineare senza scriverlo, l’importanza della donna nella famiglia, intesa come madre, come balia, come domestica, come compagna di vita, come amica. In questa storia ci sono diversi tipi di donna che difficilmente al giorno d’oggi si trovano. Donne che dalle viscere dell’inferno sono venute fuori con la forza di volontà, donne che hanno cambiato la storia con il loro savoir fare, proprio come in questo caso con la Maledizione di Toledo.

EPILOGO

La lettura fa riflettere molto circa le nefandezze delle quali si è coperto il mondo, in particolar modo la chiesa. Uno squallore dal quale si dovrebbe soltanto imparare, al fine di non ripeterlo più, invece…. Complimenti ancora all’autore, ricorderò questo libro per lungo tempo. Vi lascio nelle grinfie del Cardinale Medina augurandovi di trovare riparo tra le braccia del bene di qualcuno a voi vicino, quando il male senza avvisare, deciderà d’insinuarsi nelle vostre esistenze trovandovi impreparati anche se l’auspicio sarebbe che tutto ciò, non accada mai.

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo! 🙂

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo
Loading Facebook Comments ...

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2017 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner