WPML not installed and activated.

PNEUMATICI: DA RIFIUTO A “MERCE RARA”!

By Antonio Cotardo on 30/07/2016 in Blog, Cultura
0
0

Che storia è mai questa?

asfaltoNon ne possiamo più di percorrere le stradine di campagna e osservare ad ogni angolo rifiuti di tutti i tipi, dai frigoriferi agli armadi, dalle televisioni agli pneumatici e purtroppo la lista è molto, mooooolto lunga! Da Pistoia però sembra finalmente essere giunta la svolta tanto che ben 7.690 tonnellate di pneumatici fuori uso, sono state raccolte e recuperate nei primi sei mesi del 2016 da Ecopneus e riciclate in gomma per superfici sportive, asfalti silenziosi e duraturi, isolanti acustici, antivibranti ed energia sostenibile per famiglie e imprese. Giusto per rendere l’idea sono stati “richiamati” 854 mila pneumatici da autovettura che potrebbero coprire la superficie di 30 campi da calcio!

pneumatici-riciclo-mondoecoDA RIFIUTO A MERCE RARA

Questi dati sono stati diffusi soprattutto per far conoscere le tantissime possibilità di impiego di questo materiale diventato all’improvviso “prezioso”. Attraverso un processo di frantumazione meccanica infatti, lo pneumatico a fine vita viene ridotto in frammenti sempre più piccoli fino ad arrivare alla separazione delle tre componenti di cui è costituito: fibre tessili, acciaio e polimero di gomma. Fin ad oggi sono state realizzate aree relax per famiglie, campi da calcio, aree gioco per bambini, piste ciclabili, sedute e panchine in gomma da riciclo. Ma non è tutto perché gli pneumatici hanno proprietà fono-isolanti e fonoassorbenti grazie alle quali è possibile riqualificare l’acustica di molti auditorium. Si tratta di un vero e proprio sistema di green economy che oltre ad assicurare il corretto trattamento degli pneumatici a fine vita genera positivi impatti economici, ambientali e sociali.

images (1)EPILOGO

Spero che questa notizia sia finalmente la svolta e che si cominici ad inquinare sempre di meno il nostro pianeta, anche perché vorrei ricordare a qualcuno che altri pianeti vivibili ed inquinabili, al momento non ne abbiamo.

Un saluto dal vostro Antonio Cotardo!

 

About the Author

Antonio CotardoView all posts by Antonio Cotardo
Loading Facebook Comments ...

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyright 2017 | Powered by MaggioreGabrieleDesigner