CORATO CONSIDERA I LIBRI UN RIFIUTO, CAPRARICA DI LECCE LI PROMUOVE.