Ultimi articoli
firmati
Antonio Cotardo

Volete sapere chi si nasconde dietro questo muro di parole? Sto cercando di spiegarvelo raccontandovi quello che sento, quello che mi passa per la testa, quello che il cuore mi fa pensare e la ragione è del tutto consapevole che non dovrei fare.

Sto cercando di scoprire chi sono giorno dopo giorno, un istante dopo l’altro. Da oggi in poi le uniche lacrime che accetterò volentieri saranno quelle di gioia. Questo e molto altro ancora, rimanete con me!

06/01/2017

CHI VOLA BASSO NON PUO’ TOCCARE IL CIELO

Un romanzo di Giovanna Politi Quando camminerete sulla terra dopo aver volato, guarderete il cielo perché là siete stati e là vorrete tornare. Inizio la mia […]
26/12/2016

IL PASSATO? SE NE E’ ANDATO!

Goditi il presente! È inutile stare li a rimuginare su come “sarebbe potuta andare se”. Oramai è andata e bisogna farsene una ragione, prima che i […]
25/12/2016

VENTICINQUE

Un libro di poesia Antonio Cotardo è nato a Lecce l’8 maggio del 1991. Da sempre innamorato della poesia attraverso la quale riesce a cogliere la […]
25/12/2016

BIMBO AUTISTICO LASCIATO SOLO AL SUO COMPLEANNO

Un’incredibile sorpresa cambia tutto Il piccolo Gerald è un bambino di 9 anni che ha un leggero ritardo di apprendimento, questo non significa che come tutti […]
08/12/2016

PAURA D’AMARE? SI CHIAMA “PHILOFOBIA”

O timore di lasciarsi andare? Sembra proprio che al giorno d’oggi quello a mancare nelle relazioni di coppia non sia il sentimento, quanto il coraggio di […]
04/12/2016

STANCO DI ESSERE ACCECATO DAGLI ABBAGLIANTI?

Ecco la soluzione.. Anche voi come me siete stanchi di essere continuamente accecati dagli automobilisti che distrattamente lasciano gli abbaglianti puntati durante la guida? Non parliamo […]

Volete sapere chi si nasconde dietro questo muro di parole? Sto cercando di spiegarvelo raccontandovi quello che sento, quello che mi passa per la testa, quello che il cuore mi fa pensare e la ragione è del tutto consapevole che non dovrei fare. Sto cercando di scoprire chi sono giorno dopo giorno, un istante dopo l’altro. Sono quello che quando tutti si arrendono continua ad insistere fino al punto di scorticarsi l’anima, quello che combatte le battaglie perse in partenza, perchè se non lottassi il pensiero del “come sarebbe andata se avessi fatto cosi” mi ridurebbe ad un fottuto pezzo di carne che respira. Sono quello che si è stancato di capire, qui dove poi soltanto pochi ti capiscono. Ma sono anche quello che continua a sorridere, quello che una volta finita la burrasca ricomincia da zero, riparte dai suoi pezzi di anima finiti chissà dove, sono quello che non rimpiange nulla perchè piangersi addosso non servirebbe. Da oggi in poi le uniche lacrime che accetterò volentieri saranno quello di gioia. Questo e molto altro ancora, rimanete con me!
Antonio Cotardo